emilia-romagna

Piazza Aldo Moro, 64 - terzo piano - 40129 Bologna - Tel. 051 6338901 - Fax 051 553202
mail: segreteria@legautonomie-er.it

       
documenti
     







aree tematiche
> finanza locale
> federalismo
> welfare
> scuola/cultura
> territorio/ambiente
> economia/lavoro
> dal Parlamento
FEBBRAIO 2013

Seminario regionale "Le forme pubbliche di gestione aziendale dei servizi alla persona"
Bologna, 22 febbraio 2013

programma
scheda di adesione

ATTI:

> INTRODUZIONE "LE FORME PUBBLICHE DI GESTIONE AZIENDALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA" , di Enrico Campedelli
> Le forme pubbliche di gestione aziendale dei servizi alla persona
Alceste Santuari, Docente di Diritto amministrativo dei Servizi Sociali dell’Università di Trento


> Elementi per la valutazione di convenienza della forma di gestione dei servizi alla persona
Elena Gamberini, Direttrice dell’Unione Bassa Reggiana


> Le più recenti normative, sentenze e prassi sulle aziende pubbliche per la gestione dei servizi
Paolo Neri, Segretario generale del Comune di Ravenna


> Legge regionale di riforma istituzionale e aziende pubbliche per la gestione dei servizi
Marco Mordenti, Segretario generale dell’Unione Bassa Romagna


> Le forme pubbliche di gestione aziendale dei servizi alla persona
Monica Tagliavini


>Le prospettive di sviluppo delle ASP - di Giampiero Cilione

2012

DICEMBRE 2012


Atti dal convegno "Servizi pubblici locali e riordino delle società partecipate:
quali novità
?" (12 dicembre 2012)
Alleghiamo le relazioni
esposte al convegno sopra citato dal Dr. Marco Mordenti, Segretario
generale dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna (RA), dal
l Dr. Antonino Borghi e dal
Prof. Avv. Andrea Maltoni
.



Convegno: servizi pubblici locali e riordino delle società partecipate: quali novità?
programma - scheda di iscrizione
Mercoledì 12 dicembre 2012 - Bologna - Sala 5 ex Consiglio Regionale - Viale Silvani, 6.




PRIT 2020

2012_01_13 Incidenza ambientale vinca.pdf - 22,12 MB
2012_01_13 Rapporto ambientale VAS Prit.pdf - 9,13 MB
2012_01_19 Abaco_all VINCA.pdf - 2,57 MB
2012_01_19 RELAZIONE PRIT 2020.pdf - 1,72 MB
Carta A - Assetto Strategico PRIT 2020.pdf - 516 KB
Carta B - Sistema Stradale.pdf - 11,48 MB
Carta C - Sistema Ferroviario.pdf - 5,29 MB
Carta D - Piattaforma Logistica Integrata.pdf - 6,42 MB
Carta E - Sistema di pianificazione Integrata Area Vasta.pdf - 15,34 MB
INTEGRAZIONE QUADRO CONOSCITIVO.pdf - 4 MB
PRESENTAZIONE COMITATO DIREZ. 23_01_12.ppt
- 15 MB

Patto di stabilità - ottobre 2010
>
Progetto di legge
>
Relazione di presentazione del 19 ottobre
>
Presentazione del 19 ottobre

22 febb. 2010: No alla legge del taglione - raccolta firme
>
Foto Sindaci Reggio Emilia
>
Programma
> Manifesto
> Volantino
> Petizione
> Aggiornamento
> Conferenza stampa - Ferrara
> News
25 Maggio 2010
Tagli fino a 13 miliardi per Enti locali e Regioni

Restrizioni al Patto di stabilità Almeno 5 miliardi di tagli nel 2011 e altrettanti nel 2012 per le Regioni; 1,1 miliardi nel 2011 e 2,1 nel 2012 per Comuni e Province. La sforbiciata sulle autonomie locali arriva a 13,2 miliardi nel biennio 2011-2012. Quanto al patto di stabilità si annunciano modifiche, in senso restrittivo. Il Ministro Tremonti, nel corso della presentazione della manovra straordinaria agli Enti locali e Regioni, che si è tenuta a palazzo Chigi questa mattina, ha sottolineato che: "Un paese in deficit eccessivo non percepirà più i contributi Ue e quindi c'è un richiamo a stare attenti. Visto che l'Italia è il terzo paese per volume di contributi che riceve. E' opportuno intervenire a monte''. Ha aggiunto inoltre il ministro: "In tutta Europa nessua manovra prevede un aumento delle tasse, vengono fatte solo con la riduzione della spesa''.''Le Regioni faranno la loro valutazione nella Conferenza dei presidenti ma per quello che mi riguarda considero la manovra insostenibile per le Regioni sia per le ricadute sui... continua

4 maggio 2010 - Petizione
Maggio: prosegue la mobilitazione di Legautonomie e Uncem

Di fronte alla pedurante sordità del governo e della maggioranza, nonostante le sempre più diffuse richieste di modifica del patto di stabilità per mettere in condizione gli enti locali di sostenere in modo più efficace le difficoltà delle imprese e delle famiglie colpite dalla crisi, hanno indotto la presidenza regionale di Legautonomie a prorogare, fino al 30 maggio 2010, la campagna di mobilitazione sul testo della petizione popolare, promossa insieme a Uncem Emilia Romagna. In tutta la Regione, in queste settimane, sindaci, amministratori e consiglieri sono impegnati ad organizzare punti di informazione e di raccolta delle firme di sostegno da parte dei cittadini. Per la documentazione sui contenuti della petizione vai alla sezione "documenti".

4 maggio 2010 - Petizione
Sindaci in piazza a reggio Emilia a sostegno della petizione di Legautonomie

Come mostrano le foto è stato un 1° maggio di denuncia e di mobilitazione quello che i sindaci di Reggio Emilia hanno appena trascorso. Durante la manifestazione per la festa dei lavoratori ,svoltasi in piazza della Vittoria, i primi cittadini della provincia di Reggio Emilia hanno denunciato la insostenibilità della situazione finanziaria dei bilanci degli enti locali che, per effetto delle misure della legge finanziaria e per la rigidità del patto di stabilità imposto dal governo, non consentono ai comuni e alle provincie di sostenere adeguatamente le famiglie e le imprese colpite dalla crisi economica. Nel corso della manifestazione moltissimi cittadini hanno sottoscritto la petizione popolare promossa da legautonomie e uncem dell'Emilia Romagna.

9 Aprile 2010 - Petizioni
Petizione popolare LEGAUTONOMIE/UNCEM
La direzione regionale di Legautonomie, riunita il 7 aprile scorso per esaminare i risultati delle recenti elezioni regionali ( per consultare la ricerca dell'istituto Cattaneo sul voto clicca qui ) ha deciso di riprendere, dopo la pausa elettorale, la raccolta delle firme sulla petizione popolare promossa congiuntamente ad Uncem. Nelle prossime settimane, in tutti i comuni che hanno aderito alla petizione, sindaci e amministratori organizzeranno banchetti e punti di raccolta che avranno il sostegno anche di molte rappresentanze sociali e delle forze politiche che condividono i contenuti della petizione. Per la documentazione vai alla pagina documenti.

12 marzo 2010 - Petizioni
Petizione, aumentano le adesioni
Si sta ampliando il consenso e il sostegno alla petizione popolare promossa dalla confederazione Legautonomie/Uncem dell'Emilia Romagna con la quale si chiede una svolta nelle politiche nazionali sulle questioni relative al ruolo e alle funzioni degli enti locali. Nella sezione documenti pubblichiamo il comunicato stampa e la foto dell'incontro promosso dal coordinamento provinciale di Ferrara, presso il Castello Estense. I sindaci dei comuni Ferraresi che hanno già espresso adesione all'iniziativa sono quelli di Argenta, Voghiera, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda, Lagosanto, Massafiscaglia, Migliaro, Tresigallo, Ostellato, Migliarino, Formignana e Portomaggiore. Intanto sono pervenute altre adesioni di sindaci dei comuni modenesi: Vignola, Spilamberto, Castelvetro, Savignano, Marano, Castenuovo Rangone. Segnaliamo inoltre le adesioni di Marco Macciantelli, sindaco di San Lazzaro, di Massimo Mezzetti, consigliere regionale e Coordinatore regionale di Sinistra Ecologia e Libertà, dell'on. Gabriele Albonetti, dell'on. Manuela Ghizzoni e dei sen. Giuliano Barbolini e Vidmer Mercatali.

4 marzo 2010 - Petizioni
No alla legge del taglione, raccolta firme: aggiornamento
Sta riscuotendo un grande consenso la petizione popolare promossa dalla confederazione Legautonomie/Uncem dell'Emilia Romagna nella quale si chiede al governo di mantenere gli impegni presi nei confronti degli enti locali e un cambio di passo nelle misure di contrasto alla crisi economica. Mentre sta partendo la raccolta delle firme tra i cittadini e giungono apprezzamenti e condivisione da parte delle organizzazioni sociali e del mondo economico e sindacale, arrivano le prime significative adesioni dal mondo politico e istituzionale. Tra le prime segnaliamo quelle del segretario nazionale del Partito Democratico, Pierluigi Bersani e del segretario regionale Stefano Bonaccini; dei parlamentari Mariangela Bastico, Sandro Brandolini, Ivano Miglioli, Roberto Guerzoni; dell'assessore regionale Giancarlo Muzzarelli, del consigliere regionale Mario Mazzotti, dei presidenti delle province di Ravenna, Rimini, Ferrara e Reggio Emilia, dei sindaci dei comuni di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Ravenna, Forlì, Cesena, Carpi e Riccione. Hanno inoltre aderito all'iniziativa già molti comuni. Nella sezione documenti è disponibile un primo elenco.

23 feb. 2010 - Petizioni
No alla legge del taglione , raccolta firme
Parte il 1° marzo la raccolta delle firme sulla petizione promossa da Legautonomie e Uncem dell'Emilia Romagna contro i tagli previsti dalla legge finanziaria per il 2010. Assemblee provinciali degli amministratori, aperte ai rappresentanti delle forze economiche, sociali e sindacali sono in programma in tutta la Regione. Nella sezione "documenti" é possibile scaricare il programma degli appuntamenti, il manifesto, il volantino e la petizione.


Accreditamento
> Vai alla sezione welfare


Sindaci di Reggio Emilia a Roma
> Foto
> Comunicato stampa On. Manlio Marchi

Servizio idrico integrato
> Testo della risoluzione
> Parere consegnato alla Camera di Legautonomie

Finanza ed Enti Locali
>
Comunicato stampa ANCI, LEGAUTONOMIE, UNCEM ED UPI Emilia-Romagna
>
Comunicato stampa delegazione Sindaci reggiani

23 novembre 2009 - Congresso regionale

> Documento preparatorio Congresso Regionale
(23 novembre 2009, Reggio Emilia, Sala del Tricolore)

> Comunicato stampa sull'esito del Congresso regionale
> Relazione introduttiva di Gaetano Sateriale
> Relazione di Roberto Balzani, Sindaco di Forlì
> Composizione Direzione