emilia-romagna

Piazza Aldo Moro, 64 - terzo piano - 40129 Bologna - Tel. 051 6338901 - Fax 051 553202
mail: segreteria@legautonomie-er.it

       
in primo piano
     


Progetto di fusione
In applicazione delle decisioni assunte a conclusione del Congresso Regionale dello scorso 16 ottobre 2014, il Consiglio Regionale di ANCI e la Direzione Regionale di Legautonomie dell'Emilia-Romagna hanno adottato, nella riunione congiunta di mercoledì 3 giugno 2015, il progetto di fusione per incorporazione di Legautonomie Emilia-Romagna in ANCI Emilia-Romagna che verrà sottoposto ad approvazione da parte dell'Assemblea regionale congiunta degli enti associati che sarà convocata nel prossimo mese di luglio. In particolare, si informa che l' operazione di fusione avverrà secondo le seguenti modalità: Ente Incorporante “ANCI EMILIA-ROMAGNA”, con sede in Bologna (BO), Viale Aldo Moro n. 64, codice fiscale 80064130372, partita I.V.A. 03485670370. Ente Incorporando “LEGAUTONOMIE EMILIA-ROMAGNA”, con sede in Bologna (BO), Viale Aldo Moro n. 64, codice fiscale e partita I.V.A. 02052430374.
In data 23 luglio 2015 l’Assemblea regionale di Legautonomie Emilia-Romagna ha deliberato all’unanimità l’approvazione del progetto di fusione.


Italicum, Filippeschi: "Doppio turno conquista da difendere, ha dato stabilità al governo delle città"
"Ho letto che si studierebbe di promuovere un referendum contro la nuova legge elettorale, considerata «uno strappo alla democrazia». Si tratta di giudizi insostenibili, indimostrabili e fatti all'insegna dell'antipolitica. Si vorrebbe abrogare la conquista del doppio turno. Noi sindaci abbiamo qualcosa da dire e un'esperienza positiva da difendere. Il doppio turno, con ballottaggio, è il metodo che ha dato stabilità al governo delle città, con la riforma elettorale più riuscita e apprezzata dai cittadini. Qui siamo all'autolesionismo, si tornerebbe all'opacità e all'indecisionismo, con un paese ancora sull'orlo del baratro, pur di difendere un sistema che rende quasi impossibile fare scelte di cambiamento e dare responsabilità chiare alla politi
ca .
Continua....


6 Maggio 2015
Mise, disponibili 400 milioni per R&S: al via i due bandi per ICT-Agenda digitale e Industria sostenibile
Da giugno le istanze preliminari per le agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile Saranno a breve disponibili i 400 milioni che il Ministero dello Sviluppo Economico ha destinato alle imprese che investono in grandi progetti di Ricerca e Sviluppo (R&S). E’ stato infatti firmato il decreto ministeriale attuativo che definisce i termini, le modalità per la presentazione delle istanze preliminari e di quelle definitive e le modalità di applicazione dei criteri di valutazione per entrambi i bandi.
continua.....


5 Maggio 2015
Finanza pubblica, oltre 500 milioni di euro a carico delle Province e città metropolitane
Sono stati perfezionati il 28 aprile u.s., con la firma del Ministro dell’interno, On.le Angelino ALFANO, tre decreti ministeriali che determinano il riparto del contributo alla finanza pubblica posto a carico delle città metropolitane e delle province ricomprese nelle regioni a statuto ordinario e nelle regioni Siciliana e Sardegna, pari complessivamente a 516,7 milioni di euro per l’anno 2015.
continua....


3 Maggio 2015
Più manutenzione meno vittime stradali: un Manifesto dei sindaci per strade più sicure
Legautonomie invita gli amministratori ad aderire al Manifesto per chiedere maggiori risorse al Governo per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade Dopo droga e alcool, la cattiva manutenzione delle strade rappresenta una delle cause principali degli incidenti che si registrano sulla strade italiane, che, nonostante ciò, hanno subito una netta riduzione di interventi sia in termini di quantità che di qualità. La media UE conta 51 morti per milione di abitanti. L'Italia è passata negli ultimi quattro anni da 70 a 52 per milione di abitanti di cui il 21% dei decessi coinvolge i motociclisti, a fronte di una media UE del 15%. I dati diffusi da Siteb (Associazione costruttori e manutentori delle strade) evidenziano come i consumi di asfalto, per la manutenzione ordinaria e straordinaria sono passati dai 44 milioni di tonnellate del 2006 a 22,3 nel 2014.

continua....

siti di interesse

 
Legautonomie Emilia-Romagna - P. Iva e C.F. 02052430374 * Privacy *